Cornici in argento 925
>>

Cornici in argento 925

La data:20/05/2019
Le cornici in argento 925 vengono regalate per festeggiare le occasioni più importanti. Il massimo titolo dell'argento in vendita (925 per l'appunto) garantisce la più alta quantità in cui è presente il nobile metallo e per questo assicura la preziosità dell'oggetto realizzato, sia come in questo caso una cornice che un qualsiasi altro prodotto in argento.

Arsal Argenteria propone una vasta scelta di cornici in argento 925, con un catalogo che spazia tra i vari stili e permette di studiare soluzioni singole o a coppie molto stuzzicanti per una scelta che parte dagli 80,00 euro e arriva fino ai 284,00 euro della Cornice onde lucida quadra 20 x 20 del peso di 78 grammi, con il retro in legno mogano chiaro. Un'idea tanto elegante quanto raffinata per un acquisto (o un dono) da ricordare.

Altre proposte riguardano un paio di modelli di cornici in stile barocco floreale, il cui formato 24 x 30 costa 312,00 euro e quindi supera anche il budget fin qui indicato, una Flowers Blasone rettangolare che nella versione 10 X 15 costa 124,00 euro e una Liberty Sagomata Incisa del peso di 45 grammi per un valore di 192,00 euro.

Tra i doni più preziosi, le cornici in argento 925 del nostro catalogo sanno attirare l'attenzione per la loro sobria eleganza e l'intrinseca preziosità.

Cornice in argento 925 falda piatta lucida Cornice in argento 925 falda piatta lucida
Cornice in argento 925 flowers blasone Cornice in argento 925 flowers blasone
Cornice in argento 925 onda lucida quadra Cornice in argento 925 onda lucida quadra
Cornice in argento 925 barocco floreale Cornice in argento 925 barocco floreale


Arsal Argenterie Alessandria

Arsal Argenterie è una storica azienda di Alessandria che ha oggi superato i cento anni di attività, conosciuta per l'innovazione, la ricerca e il design, per quella che è una fornitura di prodotti di argenteria di primissimo livello.





Notice: Undefined index: modale in D:\Home\arsalargenterie.it\httpdocs\includes\script.php on line 16